saluto

venerdì 23 febbraio 2018

Mosè di Michelangelo

fantasy


Il Mosè è una delle più celebri sculture realizzate da Michelangelo Buonarroti, l’opera si trova in San Pietro in Vincoli a Roma. Michelangelo voleva realizzare un’opera grandiosa per il monumento funebre di Papa Giulio II che aveva commissionato l’opera. La statua di Mosè sarebbe stata collocata in alto, probabilmente al secondo livello del monumento, assiso in trono con lo sguardo frontale rivolto agli osservatori. 
Quando Papa Giulio II morì, i suoi eredi obbligarono Michelangelo a ridurre drasticamente il progetto iniziale che prevedeva una quarantina di statue. Poiché riducendo le statue si creava uno spazio vuoto al centro del monumento, la statua di Mosè fu posta in quel vano. In quella posizione, però, quel gigante marmoreo alto 235 cm. non soddisfaceva più Michelangelo che dopo alcuni anni, con un’opera imponente, ruotò letteralmente la testa di Mosè. Nella versione che vediamo oggi, il naso è, dove c’era la guancia sinistra, la barba non è più diritta e sembra mossa da un colpo di vento. La forma del trono e mutata e il ginocchio sinistro è stato rimpicciolito per modificare anche la postura del corpo. Durante il recente restauro si è scoperto che nella parte posteriore, a riprova dei mutamenti, è rimasta una  porzione di  fascia del vestito che esisteva solo nella versione primitiva. 
Da sempre discutono delle corna che compaiono sul capo di Mosè dovute forse a un errore di traduzione del Libro dell'Esodo (34-29), nel quale si narra che Mosè, scendendo dal monte Sinai, avesse due raggi sulla fronte. L'ebraico "karan" o "karnaim" - "raggi" - potrebbe essere stato confuso con "keren" - "corna".


8 commenti:

  1. Caro Enrico, anche questo post si fa delle domante! Bravo caro amico.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa bellissima opera ha dato lo spunto per molte discussioni e ha sancito la grandezza di un artista capace di trasformare a distanza di anni una sua scultura.
      Buona domenica caro Tomaso un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Bellissimo, da quando l'ho visto dal vero mi è rimasto impresso...viene davvero spontaneo chiedergli " perchè non parli? "
    Ciao, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Pietà e stupenda ma anche quest’opera resta impressa nella memoria, forse anche per le dimensioni.
      Felice domenica cara Antonella, un abbraccio
      enrico
      PS: il mio blog ha ricevuto dei premi se non li hai già e t'interessano t'invito a prenderli.

      Elimina
  3. Ricordi d'infanzia. Mia madre aveva una statuetta raffigurante Mosè con le corna....ed io ci giocavo, insieme alla Barbie 😁 era il mostro per intenderci. Ciao Enrico!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annastella è buffo questo tuo ricordo infantile in cui nel gioco della bella e la bestia, il cattivo è il povero Mosè. 😁
      Buona domenica, un abbraccio
      enrico
      Ps: Ho ricevuto dei premi se vuoi puoi prenderli.

      Elimina
  4. Buona domenica caro Enrico ... bussi 🌻💛

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice domenica cara Rebecca, un abbraccio, bussi.
      Enrico
      Ps: su blogger è partito “il gioco” dei premi ai blog se t’interessa puoi prendere quelli che hanno dato al mio blog.

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM